Home TV Digitale terrestre Antenne Tv da interno: come sceglierle e quali comprare

Antenne Tv da interno: come sceglierle e quali comprare

Le moderne antenne Tv da interno sono sottili, eleganti e permettono di vedere i canali televisivi digitali quando manca l’antenna centralizzata o la presa Tv nella stanza. In questo articolo vi spieghiamo come sono fatte, quali tecnologie utilizzano, come si collegano al Tv/decoder e quali sono i migliori modelli in commercio che abbiamo selezionato per voi.

La ricezione dei canali radiotelevisivi del digitale terrestre richiede obbligatoriamente un’antenna da collegare al decoder o al televisore.

I vecchi televisori a tubo catodico erano spesso dotati di antenne integrate, a baffo (telescopiche) oppure a filo, per vedere i canali anche senza bisogno di antenne esterne o centralizzate. Con l’arrivo dei televisori LCD e Plasma a schermo piatto, le antenne interne sono state eliminate soprattutto per ragioni estetiche.

L’antenna da tetto garantisce sempre una ricezione migliore quando è puntata verso il ripetitore Tv ma non è sempre presente in tutte le palazzine oppure non funziona bene.

Inoltre, anche se l’antenna è installata e perfettamente funzionante, in alcune stanze di casa potrebbe mancare la presa Tv a muro per collegare il televisore o il decoder.

In tutti questi casi, l’antenna portatile da interno rappresenta ancora oggi la soluzione più semplice, rapida ed economica per vedere decine o centinaia di canali DTT, anche quando trasmettono con le nuove tecnologie come l’HD, l’MPEG-4 e il DVB-T2.

Credit: Meliconi

Baffi e pannelli, che orrore!

Le antenne da interno composte da stilo telescopici orientabili (baffi) e griglie metalliche sono ormai un vecchio ricordo: oltre a essere brutte e scomode, erano poco tecnologiche e spesso poco efficienti.

I circuiti elettronici interni erano stati progettati quando il digitale terrestre non esisteva ancora ed amplificavano sia il segnale che il rumore, con risultati spesso deludenti.

Antenne piatte: eleganti e mimetizzabili

L’evoluzione del design e delle tecnologie audio/video in salotto, con televisori sempre più sottili e minimalisti, ha spinto i produttori di antenne da interno a studiare soluzioni estetiche innovative.

Quasi tutte le antenne da interno di nuova generazione sono piatte, da appendere al muro come un quadro oppure da appoggiare sul mobile del televisore con gli appositi piedistalli o piedini.

Credit: Oittira

Si va dalle antenne sottili come un foglio di cartoncino, con struttura lamellare e superficie flessibile, a quelle che assomigliano a cornici porta-fotografie oppure ad oggetti di design tipici delle case moderne.

Credit: One For All

Le antenne ultraslim si possono anche mimetizzare in una libreria, incollare ad una finestra per migliorare la ricezione oppure dietro al televisore appeso a parete.

Credit: Oittira

Ricezione perfetta senza continui spostamenti

Il design delle nuove antenne da interno non rappresenta, come spesso accade, un vincolo per i progettisti della parte elettronica.

Le superfici piatte e sottili hanno infatti permesso agli ingegneri di realizzare lunghe piste conduttive, stampate direttamente sul circuito o realizzate con profili metallici, che servono a catturare i segnali DTT, adattandole alla forma dell’involucro per ottimizzare la sensibilità e la selettività.

Tecnologie avanzate come la Patch di One For All hanno invece consentito di ampliare l’angolo di ricezione, così da non dover spostare continuamente l’antenna quando si cammina nella stanza o si sintonizzano due o più canali trasmessi da differenti ripetitori, ed eliminare i segnali indesiderati (che causano i famigerati “squadrettamenti”) generati da riflessioni e interferenze.

Credit: One For All

Compatibili con le trasmissioni VHF, UHF e DAB+

Le antenne da interno di nuova generazione sono tarate sulle bande VHF (47-230 MHz) e UHF (470-862, 470-790 MHz – 4G Ready oppure 470-694 MHz – 5G Ready). Dal momento che la banda VHF III (174-230 MHz) viene utilizzata anche dalle trasmissioni radiofoniche digitali DAB+, queste antenne sono adatte anche (o solamente) per migliorare la ricezione delle radio DAB/DAB+ con presa antenna esterna.

Amplificazione fissa o regolabile con filtri antidisturbo GSM/LTE

Le antenne da interno sono tutte attive, cioè dotate di amplificatore per catturare i segnali più deboli e portarli ad un livello accettabile per immagini fluide ed esenti da disturbi.

Il livello di amplificazione (guadagno) varia tra i 40 e i 60 dB, più che sufficienti per ricevere i segnali trasmessi dai ripetitori che si trovano ad una distanza di circa 30-50 km (in linea d’aria).

Quest’ultimo dato è molto indicativo perché il segnale può essere attenuato o riflesso da pareti, palazzi e colline che si trovano lungo il percorso così come dalla propagazione atmosferica.

I circuiti di amplificazione possono essere integrati nell’antenna oppure ospitati in un box/adattatore esterno, con livello fisso oppure regolabile a piacimento con selettore o potenziometro.

Credit: One For All

È importante sapere che gli amplificatori che lavorano in radiofrequenza, oltre al segnale “utile”, innalzano anche il livello del rumore. Nel caso dei segnali televisivi digitali, il rumore può generare blocchi e squadrettamenti sia video che audio.

Il dosaggio del livello di amplificazione e/o l’utilizzo di componenti elettronici progettati per le alte frequenze (es.: chip MMIC) servono a riportare il segnale e il rumore nell’intervallo ottimale e garantire la miglior ricezione possibile senza effetti collaterali.

Tutte le nuove antenne da interno sono dotate anche di filtri antidisturbo per limitare le interferenze generate da apparecchiature wireless come modem/router Wi-Fi e telefoni cellulari (GSM, 4G, LTE, 5G, ecc.).

Alimentazione esterna o diretta da Tv/decoder

Per l’alimentazione dell’antenna da interno esistono varie soluzioni. Quella principale è il tradizionale trasformatore da 220 volt con uscita a 5, 6 o 12 volt da collegare direttamente all’antenna o al modulo di amplificazione separato.

Alcuni modelli possono essere alimentati anche direttamente dal televisore o dal decoder, senza bisogno di cavi aggiuntivi, grazie alla funzione di telealimentazione attraverso il cavo d’antenna coassiale.

In questo caso è necessario abilitare nel menu del televisore o del decoder la voce “telealimentazione +5Vcc”, “Antenna attiva” oppure “Impianto attivo”.

In alcuni casi è possibile alimentare l’antenna anche da una porta USB facendo però attenzione alla corrente richiesta e a quella fornita dall’apparecchio (minimo 500mA).

La telealimentazione e la porta USB sono una bella comodità quando si utilizza l’antenna da interno con TV portatili, dongle o adattatori DVB-T/T2 per smartphone e tablet, impianti di ricezione installati a bordo di camper/caravan e, in generale, in tutti i casi in cui non sia disponibile o facilmente accessibile una presa di corrente a 220 volt.

Antenne outdoor per balconi e terrazzi

L’antenna da interno non è l’unica soluzione per catturare i segnali DTT quando mancano la presa Tv e/o l’antenna centralizzata.

Esistono infatti antenne compatte progettate anche per gli ambienti esterni, da installare su balconi e terrazzi, che assicurano prestazioni superiori rispetto a quelle da interno quando vengono correttamente puntate verso il ripetitore terrestre in un arco di 90°.

Credit: Metronic

Pur senza la pretesa di rimpiazzare le antenne da tetto con 30-40 elementi, rappresentano una soluzione economica e funzionale, senza occupare troppo spazio e senza temere la pioggia, l’umidità (resistenza IP55 o superiore) e i raggi UV.

Sono indicate anche per i centri storici e le soluzioni architettoniche più moderne dove le tradizionali antenna sono mal tollerate, su caravan, camper e barche, si possono fissare a muro o palo e si alimentano come quelle da interno (adattatore 220Vca, telealimentazione, USB, ecc.).

Installazione e puntamento

Il collegamento e l’installazione di un’antenna Tv da interno sono operazioni semplici e alla portata di tutti, anche grazie alle video-guide che i produttori pubblicano spesso sul web oppure su YouTube.

Basta collegare l’antenna al Tv/decoder (con il cavo coassiale) e all’adattatore di rete, inserire quest’ultimo in una presa di corrente e accendere il Tv/decoder.

Credit: Meliconi

Se il Tv/decoder e l’antenna supportano la funzione di telealimentazione (da attivare nel menu OSD), si può fare a meno dell’adattatore di rete e rendere la preparazione ancora più semplice e veloce.

Le barre colorate di livello e qualità del segnale terrestre che si trovano nel menu di sintonizzazione del Tv/decoder sono molto utili per trovare la corretta posizione iniziale dell’antenna.

I successivi micro-spostamenti richiedono tempo e pazienza per trovare il giusto compromesso tra numero di canali trovati e qualità della ricezione, soprattutto nelle condizioni ambientali più critiche (es.: piano terra) e con l’elevato tasso di inquinamento elettromagnetico tipico delle grandi città e delle moderne abitazioni.

Per passare da una ricezione totalmente assente ad una soddisfacente, a volte è sufficiente spostare o ruotare l’antenna di pochi centimetri, avvicinarla alle finestre oppure allontanarla dagli apparecchi elettronici che emettono onde radio (es.: router Wi-Fi, telefono cordless, forno microonde, ecc.).

Credit: One For All

Il nostro consiglio è di procedere innanzitutto ad una ricerca manuale su una frequenza occupata da un multiplex DTT nazionale (es.: Rai, Mediaset, Cairo – canali UHF 23, 38, 52, ecc.) e ottimizzare la posizione dell’antenna.

A questo punto si controllano altre frequenze oppure si procede con una ricerca automatica sulle bande VHF e UHF, ripetendola più volte (se necessario) dopo aver spostato leggermente l’antenna.

Quale antenna scegliere?

Le antenne da interno si differenziano per la forma, il design, le tecnologie adottate (controllo automatico di guadagno AGC, filtri GSM/3G/4G/5G/Wi-Fi, chip MMIC, ecc.), il livello di amplificazione (fisso o regolabile) e altre funzioni.

Per aiutarvi nella scelta abbiamo messo a confronto 6 modelli con prezzi compresi tra 20 e 95 euro, adatti a qualsiasi Tv e decoder per l’utilizzo domestico e itinerante (camper, caravan, ecc.).

One For All SV9494

  • Prezzo: a partire da 95,00 euro (Amazon, eBay, ePrice)
  • Guadagno: n.d.
  • Distanza massima dal ripetitore: 25 km
  • Amplificazione: regolabile
  • Filtri: GSM, 4G
  • Dimensioni: 16,8×16,8×14,1 cm
  • Extra: AGC (Controllo automatico del guadagno), indicatore livello segnale a led, cupola rotante per orientamento antenna, filtri Active Noise Reduction, ricezione ottimizzata in banda UHF 470-694 MHz (5G Ready)

La SV9494 di One For All cattura l’attenzione per il suo design innovativo, molto differente dalla maggior parte delle altre antenne da interno.

Le forma semisferica, le linee morbide e la colorazione nera donano un tocco di eleganza ad un prodotto altamente tecnologico e all’avanguardia nella ricezione dei segnali DVB-T/T2 MPEG-2, MPEG-4 e HEVC, in particolare nella banda UHF 470-694 MHz (5G Ready).

L’amplificatore integrato è dotato di funzione AGC che regola automaticamente il guadagno in base alla potenza del segnale ricevuto, così da adattarsi a qualsiasi sbalzo. Troviamo anche il filtro Active Noise Reduction per i disturbi generati da cellulari e router Wi-Fi.

La cupola rotante e i led blu che indicano il livello del segnale ricevuto (con accensione temporanea per non disturbare di notte) permettono di trovare la posizione ottimale per una ricezione perfetta entro un raggio di 25 km dal ripetitore. Il manuale d’uso e installazione è disponibile qui.

One For All SV9436

  • Prezzo: a partire da 34,08 euro (Radio Novelli, Amazon, ePrice)
  • Guadagno: n.d.
  • Distanza massima dal ripetitore: 25 km
  • Amplificazione: fissa
  • Filtri: GSM, 4G
  • Dimensioni: 22×13,5×1,5 cm
  • Extra: inserto in tessuto, spia led accensione, filtro Active Noise Reduction, ricezione ottimizzata in banda UHF 470-694 MHz (5G Ready)

Ideale per gli ambienti più moderni e raffinati, la SV9436 si distingue per l’inserto in tessuto abbinato ad un pannello frontale in plastica a righe orizzontali.

Può essere fissata a parete, appoggiata a un mobile in verticale o in orizzontale, senza mai pregiudicare la qualità di ricezione dei segnali DVB-T/T2 (anche HD, Full HD e 4K Ultra HD) entro un raggio di 25 km dal trasmettitore più vicino.

Al suo interno si trovano diverse piste metalliche che fungono da dipoli per la cattura dei segnali UHF con tecnologia Patch per la ricezione multidirezionale (360°). Si alimenta con l’adattatore di rete incluso oppure da una presa USB di Tv o decoder.

Da segnalare anche l’indicatore a led di accensione e il filtro Active Noise Reduction per le interferenze GSM, 3G e LTE. Il manuale d’uso e installazione è disponibile qui.

Meliconi AT-49

  • Prezzo: a partire da 28,85 euro (Amazon, Unieuro)
  • Guadagno: 49 dB
  • Distanza massima dal ripetitore: 30 km
  • Amplificazione: regolabile
  • Filtri: 433 MHz, GSM, 4G, 5G
  • Dimensioni: 17x19x10,2 cm
  • Extra: Spia led accensione, amplificazione con tecnologia MMIC, ricezione ottimizzata in banda VHF e UHF (fino a 694 MHz – 5G Ready), telealimentazione (da Tv/decoder via cavo coassiale)

AT-49 è un’antenna a pannello progettata da Meliconi per la ricezione dei segnali DTT in banda VHF e UHF (fino a 694 MHz – 5G Ready) e delle radio DAB+.

È dotata di filtro anti-interferenze multifrequenza per impedire che i vari dispositivi presenti nelle immediate vicinanze (come telecomandi apricancello, ripetitori audio/video a 433 MHz, telefoni cellulari e router Wi-Fi) possano creare disturbi alle immagini televisive (squadrettamenti).

I circuiti di amplificazione con chip MMIC assicurano prestazioni ottimali ed un basso livello di rumore (1 dB). Il guadagno è regolabile con la rotella posizionata dietro l’antenna.

L’elemento captante si può orientare orizzontalmente (340°) e verticalmente (180°) per ottimizzare la ricezione dei segnali DTT indipendentemente dalla posizione dell’antenna.

La AT-49 si alimenta tramite l’adattatore di rete in dotazione oppure direttamente dal cavo coassiale con i televisori e i decoder che supportano la funzione di telealimentazione (+5Vcc su cavo coassiale). La video-guida per l’installazione è disponibile qui mentre il manuale in formato PDF è scaricabile da qui.

Oittira SKY-LTV01

  • Prezzo: a partire da 25,89 euro (Amazon)
  • Guadagno: n.d.
  • Distanza massima dal ripetitore: 200 km
  • Amplificazione: fissa
  • Filtri: GSM, 4G
  • Dimensioni: 20,6×14,2×1 cm
  • Extra: Amplificatore esterno con chip Smart IC, doppia alimentazione (USB e telealimentazione con decoder/Tv), filtro Crystal Clear

L’antenna Oittira SKY-LTV01 è ultrasottile e flessibile per adattarsi a qualsiasi superficie come i vetri delle finestre (dove garantisce le migliori prestazioni), i muri oppure lo schienale del televisore.

L’amplificatore con chip Smart IC ad alta sensibilità e basso rumore permette di catturare anche i segnali più deboli. Il filtro Crystal Clear attenua i disturbi causati dai telefoni cellulari GSM/3G/4G vicini che potrebbero far squadrettare le immagini televisive.

È compatibile con le trasmissioni DTT in formato SD, HD, Full HD e 4K (DVB-T/T2) in banda VHF e UHF (full – 470-862 MHz).

L’alimentazione viene fornita dal cavo iniettore USB (richiede adattatore di rete con uscita USB oppure Tv/decoder con porte USB) oppure direttamente dal Tv/decoder (telealimentazione).

Meliconi AT-55

  • Prezzo: a partire da 22,46 euro (Amazon, Unieuro)
  • Guadagno: 55 dB
  • Distanza massima dal ripetitore: 30 km
  • Amplificazione: regolabile
  • Filtri: 433 MHz, GSM, 4G, 5G
  • Dimensioni: 27×13,2×5,4 cm
  • Extra: Spia led accensione, amplificazione con tecnologia MMIC, ricezione ottimizzata in banda VHF e UHF (fino a 694 MHz – 5G Ready), tripla alimentazione (adattatore di rete, USB e decoder/Tv – telealimentazione), disponibile nei colori bianco o nero

L’originale forma curva e la doppia colorazione (bianca o nera) permettono all’antenna Meliconi AT-55 di adattarsi a qualsiasi ambiente con un tocco di eleganza e modernità.

L’amplificatore MMIC (Monolithic Microwave Integrated Circuit) assicura un guadagno massimo di ben 55 dB con una figura di rumore molto bassa (1 dB) a tutto vantaggio della qualità del segnale. Il livello di amplificazione è regolabile tramite un potenziometro posizionato sul retro dell’antenna.

È compatibile con le trasmissioni radiotelevisive in banda VHF (174-230 MHz) e UHF (470-694 MHz – 5G Ready) con modulazione DVB-T/T2 MPEG-2/MPEG-4/HEVC e DAB+. È presente anche il filtro antidisturbo 4G/5G.

Oltre al design, il suo punto di forza è la flessibilità d’uso. Si può alimentare in tre diversi modi: tramite adattatore di rete (in dotazione – 5Vcc 1A), USB (minimo 100mA) o Tv/decoder (50 mA – telealimentazione). Per ulteriori informazioni vi rimandiamo al video e al manuale di installazione/uso.

One For All SV9425

  • Prezzo: a partire da 19,99 euro (Amazon, Unieuro)
  • Guadagno: n.d.
  • Distanza massima dal ripetitore: 25 km
  • Amplificazione: fissa
  • Filtri: GSM, 4G
  • Dimensioni: 9x16x4,3 cm
  • Extra: AGC (Controllo automatico del guadagno), spia led accensione, filtro Active Noise Reduction GSM/4G, ricezione ottimizzata in banda UHF 470-694 MHz (5G Ready)

La SV9436 è un’antenna da interni dal design essenziale ma con diverse tecnologie utili che migliorano la ricezione dei segnali DTT di prima e seconda generazione limitatamente alla nuova banda UHF (470-694 MHz – 5G Ready).

Il suo punto di forza è il sistema di controllo automatico del guadagno (AGC) che imposta il livello di amplificazione a seconda del segnale ricevuto: se è troppo forte (es.: ripetitore molto vicino) lo attenua mentre se è troppo debole (ripetitore lontano) lo amplifica per mantenerlo nel range ottimale che evita la comparsa di squadrettamenti video e click audio.

Anche in questo modello troviamo il filtro Active Noise Reduction per abbattere le interferenze generate dai telefoni cellulari e dagli altri dispositivi wireless che operano da 800 MHz a 2,4 GHz, le tecnologie Patch per una ricezione a 360° (indipendentemente dal posizionamento – verticale, orizzontale, a parete, ecc.) e Signal Clear Technology per una visione ottimale dei canali DTT. Il manuale d’uso e istruzioni è scaricabile gratuitamente da qui in formato PDF.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php