Home PC Monitor per PC, video e gaming: come sceglierlo, quale acquistare

Monitor per PC, video e gaming: come sceglierlo, quale acquistare

State cercando un nuovo monitor per il vostro PC o la console videogiochi ma non sapete come sceglierlo? Ecco qualche utile consiglio su tecnologie, dotazioni e funzionalità principali dei monitor LCD da 19 a 43 pollici, piatti o curvi, widescreen o ultrawide (21:9 e 32:9), anche con funzioni “smart”.

Nel corso degli anni, i monitor LCD hanno ampliato il loro raggio d’azione: da semplici schermi per personal computer si sono trasformati in dispositivi multimediali molto più versatili e funzionali.

I modelli delle ultime generazioni hanno ormai una stretta somiglianza con i televisori dello stesso polliciaggio ma con diversi “plus” che migliorano il comfort visivo (come il trattamento antiriflesso del display), la qualità e la definizione delle immagini in formato Full HD, QHD e 4K.

Con l’esplosione del fenomeno gaming, sia su PC che su console, i monitor sono diventati sempre più performanti per garantire un’esperienza di gioco il più possibile reale e adrenalinica.

Monitor Asus per gamer
Monitor Asus per gamer

Unica mancanza di rilievo è il sintonizzatore televisivo terrestre oppure satellitare integrato, facilmente compensabile collegando ad uno degli ingressi HDMI un qualsiasi decoder esterno.

In questo articolo analizzeremo le principali tecnologie, caratteristiche e dotazioni dei monitor LCD di ultima generazione, spiegandovi perché e quando sono utili (o potete farne a meno), come scegliere il modello più adatto in base al vostro utilizzo (PC, console, decoder, smartphone, ecc.) e quali abbiamo selezionato per voi dopo una lunga e attenta comparazione delle attuali offerte sul mercato.

Dimensione e risoluzione del display

Un monitor da scrivania collegato a PC desktop o notebook, console ed altre sorgenti audio/video deve avere uno schermo da almeno 21,5-22 pollici ed una risoluzione nativa Full HD (1920×1080 pixel) o superiore (QHD, UHD, ecc.).

Dimensioni e risoluzioni inferiori (es.: 19” e 1440×900 pixel) possono affaticare la vista durante le sessioni di studio, lavoro e gioco mentre il risparmio in termini di ingombro è praticamente nullo considerato che anche i monitor di ultima generazione, così come i Tv, sono dotati di cornici ultrasottili (solo 7-8 mm).

In base allo spazio a disposizione sulla scrivania, al suo utilizzo e al budget, consigliamo di valutare polliciaggi superiori (27, 32 pollici e oltre) con matrici Full HD, QHD o 4K in base alla risoluzione dei contenuti e della distanza di visione.

Monitor Viewsonic VX3276-2K-MHD da 32 pollici
Monitor Viewsonic VX3276-2K-MHD da 32 pollici

Se scegliete un monitor da 32” Full HD per il vostro PC e la distanza di visione è inferiore a 1 metro, potreste distinguere i singoli pixel che compongono le immagini e i caratteri (effetto “zanzariera”), peggiorando la qualità di visione e affaticando i vostri occhi.

In questo caso è preferibile allontanare lo schermo di qualche centimetro, scegliere un polliciaggio inferiore (es.: 27”) oppure passare al QHD o al 4K ma solo se la sorgente supporta queste risoluzioni (2560×1440 o 3840×2160 pixel, ovvero 4 volte l’HD o il Full HD).

Schermo lucido oppure opaco?

Mentre la quasi totalità dei pannelli televisivi LCD e OLED ha un rivestimento superficiale “lucido” (Glare), i monitor utilizzano un display “opaco” (Matte).

Il trattamento “lucido” ha effetti positivi sul contrasto (neri più profondi) e sui colori (maggior saturazione percepita), soprattutto durante il giorno, ma di contro amplifica i riflessi luminosi che disturbano non solo la visione delle schermate PC ma anche le scene di un videogioco, foto, video ed altri contenuti.

Tecnologia del pannello LCD: VA, TN e IPS

La tecnologia costruttiva dei pannelli LCD impiegati nei monitor è determinante ai fini delle prestazioni e dell’ambito di utilizzo, anche più della qualità della componentistica.

Sul mercato possiamo trovare monitor con pannelli TN (Twisted Nematic), VA (Vertical Alignment) e IPS (In Plane Switching) che interpretano in modo differente lo schema di funzionamento degli LCD, ovvero la rotazione dei cristalli liquidi per far passare più o meno luce ed ottenere i colori grazie a un filtro RGB (R-Rosso, G-Verde, B-Blu).

Principi di funzionamento delle tecnologie IPS, TN e VA
Principi di funzionamento delle tecnologie IPS, TN e VA

Nella tecnologia TN, la più diffusa non solo nei monitor da PC ma soprattutto in quelli “gaming”, i cristalli liquidi sono allineati in parallelo rispetto al pannello per ottenere una maggiore “reattività” ed un contrasto più elevato.

Per “reattività” intendiamo sia la frequenza di aggiornamento (refresh rate, frame rate), cioè il numero di fotogrammi riproducibili al secondo (60, 120, 144, 165, ecc.), sia il tempo di risposta (response time) che misura i millisecondi impiegati da un pixel per passare da un colore ad un altro, ad esempio da bianco a nero, oppure tra due tonalità dello stesso colore (gray to gray – GTG).

Più elevato è il refresh rate (120, 144 o 165 GHz) e più basso il tempo di risposta (1-2 ms), migliori saranno le prestazioni soprattutto in ambito gaming e video. Nei monitor “multi-uso” o in quelli per PC, i valori medi si attestano rispettivamente a 60-75 Hz e 4-8 ms.

Molti monitor con pannelli TN arrivano ad un refresh rate di ben 144-165 Hz, più del doppio rispetto ai “canonici” 60 Hz, a tutto vantaggio della precisione e fluidità delle immagini in rapido movimento (come le scene d’azione dei videogiochi) e con un eccellente livello del nero (rapporto di contrasto statico di circa a 1000:1).

I punti deboli della tecnologia TN sono la qualità cromatica, inferiore rispetto a VA e IPS, e l’angolo di visione limitato (90°-110°) sia in verticale che in orizzontale, per mantenere immutata la qualità e la percezione di colori, luminosità e contrasto.

Nei pannelli LCD con tecnologia VA i cristalli liquidi sono allineati verticalmente e ruotano in posizione orizzontale quando vengono eccitati da una tensione. In questo modo riescono a bloccare più efficacemente la luce spuria della retroilluminazione per ottenere neri più profondi rispetto alle tecnologie TN e IPS (contrasto statico fino a 5000:1)

Il refresh rate e il tempo di risposta non raggiungono i valori dei TN (a parità di costo del monitor) mentre la qualità delle immagini è superiore sotto tutti gli aspetti (gamma cromatica, luminosità e contrasto anche con angoli di visione superiori a 100-120 gradi). I monitor con display VA sono indicati per un utilizzo a 360° con un leggero vantaggio in ambito entertainment (film, serie Tv, ecc.).

Il punto di forza dei pannelli IPS (brevetto LG) è l’ampio angolo di visione (la posizione dei cristalli riduce la dispersione della luce nella matrice) che si traduce in immagini di ottima qualità (gamma cromatica ampia e fedele, eccellente luminosità e contrasto di buon livello).

Per questo motivo sono particolarmente indicati per l’editing video e fotografico, per vedere film e serie Tv ed anche per il gaming ma a costi nettamente superiori rispetto a VA e TN a parità di prestazioni (refresh rate e response time).

Display ultrawide, piatto o curvo

Dopo una fugace apparizione sui televisori, i display curvi sono arrivati anche sui monitor con una giustificazione decisamente valida: il pannello ricurvo mantiene costante la distanza tra gli occhi e qualsiasi punto dello schermo, migliorando la definizione, la precisione e la qualità delle immagini nelle zone più periferiche.

Curvatura 1500R del monitor Huawei MateView GT da 34”
Curvatura 1500R del monitor Huawei MateView GT da 34”

La curvatura rende più immersiva l’esperienza delle sessioni di gaming (in particolare nelle simulazioni) e nei film, soprattutto negli schermi ultrawide (21:9 o 32:9) da almeno 34 pollici dove l’area di visione combacia, almeno in parte, con quella dell’occhio umano.

Monitor gaming LG ultrawide curvo
Monitor gaming LG ultrawide curvo

I monitor ultrawide, sia curvi che piatti, sono utili anche in ambito PC quando è necessario mantenere aperte e gestire molte finestre in simultanea (multitasking) oppure due sorgenti diverse affiancate (Picture by Picture), nell’editing video e nella programmazione.

Monitor Samsung Ultrawide 21:949WL95C
Monitor Samsung Ultrawide 21:949WL95C

Tecnologie gaming di ultima generazione

Se state cercando un monitor da utilizzare prevalentemente con il vostro PC gaming oppure con una console di ultima generazione come la PS5 o le Xbox Serie S/X, potrete ottenere le migliori prestazioni solo con quei modelli dotati di caratteristiche, dotazioni e tecnologie specifiche.

Innanzitutto la risoluzione nativa del pannello deve essere almeno Full HD o QHD (2560×1080 pixel in formato 21:9 oppure 2560×1440 in 16:9), il refresh di almeno 144 Hz e il tempo di risposta intorno a 1 ms (GTG).

Monitor gaming BenQ Mobiuz EX2710s
Monitor gaming BenQ Mobiuz EX2710s

Inoltre il monitor deve possedere una o due porte HDMI 2.0 o 2.1 compatibili con le tecnologie HDR (High Dynamic Range), FreeSync e G-SYNC per massimizzare il realismo delle sessioni di gioco riducendo lo sfarfallio, la latenza, lo sdoppiamento e la scattosità delle immagini.

Quasi tutti i monitor gaming offrono menu dedicati per cambiare i settaggi video in tempo reale come il rapporto dello schermo, le regolazioni FPS e HDR, la stabilizzazione dei toni bianchi e neri, i profili predefiniti a seconda del tipo di gioco (FPS, RTS, ecc.).

Netflix, IPTV e mirroring da smartphone

Alcuni monitor come i Samsung M5, M7 e M8 (Full HD e UHD da 27 a 43 pollici) ereditano dagli Smart TV le stesse piattaforme multimediali e interattive vedere i contenuti di Netflix, Disney+, Prime Video e YouTube senza bisogno di collegare un dispositivo esterno (es.: Fire TV Stick, box Android, ecc.).

Possono sostituire il vecchio televisore della camera dei ragazzi rinunciando al DTT ma continuando a vedere i canali televisivi in streaming come vi abbiamo spiegato qui e qui.

Samsung M70A da 43"
Samsung M70A da 43″

Oltre ai servizi VOD, OTT (come RaiPlay e Mediaset Infinity) e IPTV (DAZN e altri), questi monitor includono decine di app organizzate in varie categorie (audio, video, giochi, social, news, ecc.), possono visualizzare le schermate di smartphone e tablet (Android e iOS) grazie al mirroring via cavo oppure wireless, si trasformano in postazioni di lavoro “senza PC” per lavorare con le app Android e con Office 365 (Samsung DeX e PC On Screen).

Mirroring Samsung M50A
Smart Monitor Samsung con funzione mirroring per smartphone Android e iOS

Connettività HDMI, DisplayPort e USB

Tutti i monitor di ultima generazione sono dotati di una o due porte HDMI in versione 1.4 (base), 2.0 o 2.1 per le funzioni video e gaming viste sopra.

Alcuni modelli offrono anche una presa DisplayPort che, nella versione più recente (1.4), offre le stesse performance delle HDMI 2.0 e 2.1 (video 8K, HDR, refresh fino a 70 Hz, 4K a 120 Hz, ecc.) ma con la possibilità di gestire connessioni multiple (più monitor con un solo cavo) e su distanze più lunghe.

Parco connessioni del monitor Samsung Odyssey G9
Parco connessioni del monitor Samsung Odyssey G9

Troviamo spesso anche una o più porte USB 2.0 o 3.0, di tipo A oppure C, per il collegamento di periferiche (mouse, tastiere, webcam, ecc.), sorgenti audio/video compatibili e per la ricarica dello smartphone (es.: Power Delivery).

Quale monitor acquistare?

Orientarsi tra le centinaia di monitor in vendita nei negozi fisici e online è un compito difficile, soprattutto se non si conoscono i termini tecnici, le tecnologie impiegate e le dotazioni.

Dopo una lunga ricerca e comparazione, abbiamo selezionato per voi quattro monitor LCD, sia piatti che curvi, per un uso a 360° (PC, console, decoder, smartphone, ecc.) oppure focalizzati su video & gaming.

LG 24ML600S

  • Prezzo indicativo: 179,00 euro
  • Display: LCD 23,8” 16:9 IPS
  • Risoluzione: Full HD 1920×1080 pixel
  • Refresh Rate: 75 Hz
  • Response Rate: 1 ms
  • Connessioni: 2x HDMI 1.4, 1xD-SUB (VGA), ingresso audio, uscita cuffie
  • Audio integrato: Sì, 20 watt
  • Dimensioni: 53,91×32,15×6,65 cm
  • Note: AMD FreeSync, TrueColor, Flicker Safe, design Borderless, base staccabile e orientabile (tilt -2/+15°)

Monitor LCD con schermo IPS da 23,8” con un eccellente rapporto qualità/prezzo e adatto a qualsiasi impiego, dai PC alle console videogame, dai decoder DTT/SAT ai box Android. Supporta la tecnologia AMD Radeon FreeSync per una maggiore fluidità di movimento anche nelle azioni di gioco più concitate, grazie all’eliminazione del fastidioso effetto di tearing e degli scatti dell’immagine.

La tecnologia Flicker Safe azzera quasi completamente lo sfarfallio del monitor che causa l’affaticamento degli occhi mentre il sistema Motion Blur Reduction riduce la sfocatura disattivando la retroilluminazione nel momento in cui i cristalli liquidi sono in movimento.

Da segnalare anche le funzioni Dynamic Action Sync che riduce l’input lag a 1 ms e Black Stabilizer per la massima visibilità anche nelle scene più scure (giochi, film, ecc.), l’audio stereo integrato, l’ingresso D-SUB VGA per i PC più vecchi, il piedistallo removibile e orientabile, il design Borderless su tre lati. Disponibile anche in nero e nel formato da 27”.

SAMSUNG M5/M7

  • Prezzo indicativo: a partire da 220,00 euro
  • Display: LCD 27”/32”/43” 16:9 VA
  • Risoluzione: Full HD 1920×1080 pixel o Ultra HD 3840×2160 pixel
  • Refresh Rate: 60 Hz
  • Response Rate: 4-8 ms
  • Connessioni: 2x HDMI, 2x/3x USB (USB-C PD su M7)
  • Audio integrato:
  • Dimensioni: vedi qui
  • Note: Smart TV Tizen, Hub IoT, SmartThings, Ultrawide Game View, Game Mode, Mirroring/AirPlay, assistenti vocali integrati (Bixby, Alexa, Google), DeX, postazione desktop (Android, Microsoft Office 365), connettività Wi-Fi e Bluetooth, display wireless

Gli Smart Monitor Samsung sono disponibili in tre diversi formati (27”, 32” e 43”) e risoluzioni (FHD e UHD) per adattarsi a qualsiasi necessità (entertainment, gaming, smart working, ecc.) con il “plus” della piattaforma Smart TV Tizen integrata compatibile Netflix, Amazon Prime Video, Disney+, RaiPlay, ecc.

Sono perfetti in abbinamento con lo smartphone (mirroring, AirPlay, DeX) e si trasformano in una postazione desktop per lavorare su Office 365 senza PC.

Troviamo anche gli altoparlanti integrati (con l’aggiunta dell’audio Bluetooth), gli assistenti vocali Bixby, Alexa e Google (con tasto dedicato sul telecomando) e la connettività HDMI e USB (anche USB-C con Power Delivery da 65 watt su M7). Per ulteriori dettagli vi rimandiamo al nostro banco prova dei modelli M50a e M70a.

ACER Predator XB273UGS

  • Prezzo indicativo: 510,00 euro
  • Display: LCD 27,2” 16:9 VA
  • Risoluzione: QHD 2560×1440 pixel
  • Refresh Rate: 165 Hz
  • Response Rate: 1 ms
  • Connessioni: 2x HDMI, DisplayPort, 3x USB 3.0
  • Audio integrato: Sì, 4 watt
  • Dimensioni: 61,2x53x23,6 cm
  • Note: NVIDIA G-Sync, DisplayHDR 400, Bluelight Shield, ComfyView, regolazione colori a 6 assi, Zero Frame, EcoDisplay

Acer Predator XB273UGS è un monitor gaming con caratteristiche e dotazioni di buon livello proposto ad un prezzo contenuto. Il pannello LCD IPS da 27,2” garantisce una ricca gamma cromatica (95% dello spazio colore DCI-P3) e un ampio angolo di visione (178° sia in verticale che in orizzontale).

Il refresh rate massimo di 165 Hz, il tempo di risposta di 1 ms (GTG) e la risoluzione Quad HD (quattro volte l’HD – 2560×1440 pixel) permettono di immergersi nelle sessioni di gaming ottenendo i migliori risultati in termini di dettaglio e precisione delle immagini. Il supporto G-Sync rende l’esperienza di gioco ancor più fluida sincronizzando la frequenza di refresh con i processori grafici (GPU) prodotti da NVIDIA.

Da segnalare anche la regolazione dei colori a 6 assi, il filtro luce blu (Bluelight Shield), la tecnologia VESA DisplayHDR 400, il design Zero Frame con piedistallo in metallo ergonomico (regolazioni di inclinazione, rotazione e altezza), una porta DisplayPort 1.2a, due HDMI 2.0 e l’hub USB 3.1.

HUAWEI MateView GT

  • Prezzo indicativo: 449,00 euro
  • Display: LCD 34” 21:9 VA curvo (1500R)
  • Risoluzione: WQHD 3440×1440 pixel
  • Refresh Rate: 165 Hz
  • Response Rate: n.c.
  • Connessioni: 2x HDMI 2.0, DisplayPort 1.4, mini-jack audio (cuffie/mic), USB-C multifunzione
  • Audio integrato: Sì, 4 watt (soundbar)
  • Dimensioni: n.c.
  • Note: FreeSync, HDR10, doppio microfono intelligente integrato, illuminazione led personalizzabile, Dark Field Control, regolazioni display personalizzate per tipologia di gioco (RTS, MOBA, FPS, ecc.), piedistallo regolabile in altezza/inclinazione

Monitor ultrawide 21:9 dotato di pannello VA curvo (1500R) da 34 pollici con risoluzione WQHD (3440×1440 pixel) progettato per i gamer ma compatibile anche con un utilizzo lavorativo e multimediale.

Con un refresh rate di 165 Hz e la possibilità di impostare i parametri del display per adattarsi alle diverse tipologie di gioco (8 modalità – RTS, MOBA, FPS, ecc.) rappresenta il compagno ideale di console e PC gaming senza bisogno di spendere grosse cifre.

Il contrasto tipico di 4000:1, il supporto HDR10, la copertura del 95% dello spazio colore DCI-P3 e il formato 21:9 lo rendono perfetto anche per film e serie Tv girati in questo formato, senza le fastidiose bande nere orizzontali e con una evidente curvatura che esalta l’effetto “cinema”.

La soundbar stereo da 5 watt per canale fissata alla base del piedistallo regala un sound di buona qualità e incorpora una striscia led con 8 effetti di luce personalizzabili (Flowing Waves, Ripple Waves, Colorful Ripples, ecc.).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php