<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Test In prova: altoparlante Bluetooth Sharp GX-BT60

In prova: altoparlante Bluetooth Sharp GX-BT60

Abbiamo messo alla prova l’altoparlante portatile GX-BT60 di Sharp con connettività Bluetooth. Nonostante sia compatto e leggero, il suono è discreto e la configurazione è velocissima.

Sharp GX-BT60 è un piccolo altoparlante concepito per migliorare il suono di uno smartphone (o di un’altra sorgente con Bluetooth) soprattutto quando si è all’aperto, ed è per questo che ha un grado di protezione IP67 che lo rende resistente a pioggia, spruzzi d’acqua e polvere.

Ne avevamo scritto qui e ora eccoci a raccontare come effettivamente funziona, dopo averlo provato.

La confezione che abbiamo ricevuto per la prova contiene lo speaker, un cavo jack da 3,5 millimetri, un cavo USB/Micro USB per la ricarica, una guida rapida nelle più strane lingue del mondo fuorché l’italiano e un manuale utente anche in italiano.

Non che serva molto comunque, il manuale. Senza nemmeno consultarlo abbiamo acceso l’altoparlate premendo l’apposito tasto sul retro, posto a fianco dello sportellino gommoso che protegge dagli spruzzi gli ingressi Micro Usb e Jack.

Abbiamo attivato il Bluetooth sul telefono e selezionato “Sharp GX-BT60”, nel frattempo apparso nell’elenco dei dispositivi accoppiabili. Il pairing è stato immediato.

Compatto davvero

Prima di far andare la musica ci siamo ritagliati un po’ di tempo per toccare con mano questo speaker portatile e l’impressione è stata decisamente positiva.

Nonostante il prezzo contenuto (consigliata la vendita a meno di 30 euro), i materiali di costruzione sono buoni ed è ben assemblato, restituendo una sensazione di adeguata robustezza. Leggero e compatto come promesso, si tiene facilmente in borsetta o anche in tasca.

Audio discreto

Ad essere sinceri non ci aspettavamo molto dalla riproduzione audio, per un dispositivo così compatto e da soli 6 Watt. Invece l’impatto sonoro è stato gradevole, pur non arrivando ovviamente ai livelli degli speaker portatili di fascia alta (come ad esempio questi) che costano dieci volte tanto e che sono più ingombranti. In ogni caso, sicuramente un buon passo avanti rispetto agli altoparlanti integrati negli smartphone, e anche un suono più valido rispetto agli altoparlanti Bluetooth della stessa fascia di prezzo.

L’autonomia dichiarata corrisponde più o meno a quella registrata nella nostra prova, ossia poco meno di 13 ore. I lettori esterni possono anche essere collegati utilizzando il jack da 3,5 mm. Con la funzione Auto-Switching, il GX-BT60 commuta automaticamente la sorgente di riproduzione da Bluetooth a Aux non appena viene collegato un cavo.

GX-BT60 è disponibile a un prezzo raccomandato, dice Sharp, di 29 euro, nelle versioni in nero, grigio e blu. Al momento di fare questo test (17 settembre 2021), online lo abbiamo trovato soltanto a 43,25 euro su Amazon. Anche alla voce “Dove comperare” del sito di Sharp viene indicato il market place di Amazon come unico punto vendita online.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php