<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Smart Q&A Decoder DTT: caratteristiche, dotazioni e compatibilità

Decoder DTT: caratteristiche, dotazioni e compatibilità

Quattordici domande e risposte sui decoder DTT: quali sono le caratteristiche e le dotazioni più importanti, come distinguere i vari modelli e capire se sono compatibili con le future trasmissioni DVB-T2 HEVC Main 10. Avete qualche ulteriore dubbio? Scriveteci e i nostri esperti vi risponderanno.

Tempo fa ho comprato un decoder DTT per la cucina: come faccio a sapere se è già compatibile con il prossimo switch-off?

È molto semplice. Basta fare una ricerca automatica per trovare i canali “Test HEVC main10” trasmessi da Rai e Mediaset che vengono salvati automaticamente (ordinamento LCN) nelle posizioni 100 e 200.

Schermata di ricerca automatica dei canali
Risintonizzazione automatica con decoder zapper T2 HEVC

Se, dopo la sintonizzazione, appare sul televisore la schermata di uno o entrambi i canali, allora significa che il decoder è compatibile con le future trasmissioni in formato DVB-T2 HEVC Main 10.

Monoscopio Rai/Mediaset HEVC Main 10

Se, invece, lo schermo rimane nero, significa che il decoder supporta probabilmente il formato DVB-T2 HEVC ma senza il profilo Main 10 oppure che non è nemmeno compatibile DVB-T2 e/o HEVC. In tal caso consigliamo di consultare le specifiche tecniche del decoder.

Se i canali test HEVC non vengono sintonizzati nelle posizioni 100-200 o in altre, consigliamo di contattare un antennista per verificare il funzionamento dell’impianto di ricezione oppure seguire i consigli che vi abbiamo dato qui, qui e qui.

Esistono ancora nei negozi i vecchi decoder non compatibili DVB-T2 HEVC Main 10?

In teoria no, perché dal 22 dicembre 2018 i rivenditori sono obbligati a commercializzare solamente Tv e decoder compatibili DVB-T2 HEVC Main 10.

Prima dell’acquisto, però, è bene sincerarsi che il decoder sia effettivamente pronto per l’HEVC Main 10, guardando i loghi e le indicazioni riportate sulla confezione.

Confezione del decoder DiProgress DPT203HD
Confezione del decoder DiProgress DPT203HD

Esistono inoltre molti decoder “Combo”, cioè dotati del doppio sintonizzatore terrestre e satellitare (DVB-T/T2 e DVB-S/S2), che potrebbero non supportare l’HEVC Main 10. Anche in questo caso è bene sincerarsene prima dell’acquisto.

Esistono decoder “miniaturizzati” che posso nascondere dietro al Tv o al mobile del salotto?

Sì. La stragrande maggioranza dei decoder DTT di ultima generazione (T2 HEVC Main 10) ha dimensioni molto compatte che permettono di nasconderli anche dietro al televisore o al mobile Tv del salotto.

Decoder zapper miniaturizzato T2 HEVC Main 10 i-ZAP T375

Tuttavia, se vengono nascosti, è necessario che siano dotati di un estensore di telecomando a filo che serve a catturare i segnali del telecomando e a inviarli al decoder per il cambio del canale, la regolazione del volume, la configurazione del menu, ecc.

Ripetitore di telecomando a filo disponibile su alcuni zapper
Estensore di telecomando per decoder miniaturizzati o “nascosti”

Se così non fosse, è necessario indirizzarsi verso i modelli “micro” e “nano” (Scart/HDMI Stick) che si collegano direttamente alla presa HDMI o Scart del TV come quelli che vi abbiamo mostrato in questo articolo.

Mini zapper Edision Nano T265+
Decoder miniaturizzato Edision Nano T265+

Quali sono le funzioni che ritenete indispensabili in un decoder DTT?

È difficile dare una risposta valida per tutti perché ciascuno di noi ha necessità ed esigenze diverse. Ad esempio, c’è chi ama registrare i programmi televisivi per poi riguardarli in un secondo momento mentre altri preferiscono evitarlo perché utilizzano i servizi VOD/OTT come RaiPlay e Mediaset Infinity. In questo caso, il PVR (Personal Video Recorder) può risultare utile oppure no.

Funzione PVR
Funzione PVR

Altro esempio è il display frontale che mostra il numero del canale oppure l’orologio (in standby): c’è chi lo reputa utile e chi superfluo perché ha già altri orologi in cucina, salotto o camera da letto.

Considerato che queste funzioni incidono marginalmente sul prezzo finale, in caso di dubbi vi consigliamo di acquistare un decoder T2 HEVC Main 10 “full optional” (PVR, Timeshift, display, servizi connessi, ecc. – vedi qui le funzioni più importanti).

Se acquisto un decoder esterno da collegare al Tv mi servono per forza due telecomandi?

No. Esistono decoder T2 HEVC Main 10 dotati di telecomando programmabile 2in1 per comandare sia le funzioni del decoder (cambio canali, guida programmi EPG, sottotitoli, scelta audio, menu OSD, ecc.) sia quelle principali del televisore (selezione ingresso HDMI, regolazione volume, ecc.).

Telecomando 2in1 con funzioni Tv (ingresso AV, volume, on/standby)
Telecomando 2in1 con funzioni Tv (ingresso AV, volume, on/standby)

I telecomandi 2in1 si programmano in pochi secondi digitando un codice numerico (es.: 1234 per Tv Samsung e 5678 per Sony) oppure copiando i tasti del vecchio telecomando (clonazione diretta dei segnali IR).

Se il decoder è sprovvisto di telecomando 2in1, potete sempre acquistarlo in un secondo momento consultando la nostra guida-vetrina ai telecomandi universali (2in1, 3in1, 4in1, ecc.). In tal modo potrete comandare on solo il Tv e il decoder ma anche il lettore DVD/Blu-ray, il sistema Home Cinema ed altri dispositivi “multimarca”.

Quale decoder mi consigliate per una persona anziana?

Per le persone anziane e i bambini consigliamo un decoder dotato delle sole funzioni essenziali (no PVR, no Timeshift, no funzioni interattive) e provvisto di un telecomando (principale o secondario) con pochi tasti di grandi dimensioni come questo.

Decoder T2 HEVC Main 10 DiProgress DPT207HD con due telecomandi (completo e semplificato) entrambi 2in1 (Tv+decoder)

In alternativa potete sempre acquistare il telecomando semplificato in un secondo momento e programmarlo sia per il vecchio televisore (solo volume e accensione/spegnimento) che per il nuovo decoder (tutti gli altri tasti).

Altre due funzioni utili per gli anziani (e non solo) sono l’Audiodescrizione (vedi sotto) e la sincronizzazione CEC che permette di spegnere e accendere simultaneamente sia il decoder che il Tv collegati via HDMI utilizzando un solo tasto (vedi qui per gli approfondimenti).

Ad ogni modo, riteniamo che il decoder esterno rappresenti, in alcuni casi, una complicazione sia per gli anziani che per tutte le persone “poco tecnologiche”. Per costoro, la soluzione migliore è sempre quella di acquistare un nuovo televisore DVB-T2 HEVC Main 10. La spesa è senza dubbio superiore ma i vantaggi sono molteplici (migliore qualità video, ingombri inferiori grazie alle cornici ultrasottili dei moderni display, funzioni “smart”, un solo telecomando, uscita audio Bluetooth per l’ascolto dei programmi televisivi con cuffie senza fili, ecc.).

Posso collegare il decoder T2 HEVC ad un monitor PC?

Sì. Tutti i monitor PC in vendita da almeno una decina d’anni sono dotati di una o due prese HDMI perfettamente compatibili anche con lettori DVD e Blu-ray, decoder, chiavette VOD (es.: Fire TV Stick), ecc.

Pannello connessioni del monitor Samsung BX2450
Pannello connessioni del monitor Samsung BX2450

Per poter ascoltare l’audio è necessario che il monitor sia dotato di altoparlanti. Se così non fosse, potete sempre collegare al decoder una coppia di diffusori attivi comandati dall’uscita audio digitale (ottica o coassiale – se presente) o dalla Scart (pin 1, 3 e 4 – uscita audio stereo destro/sinistro – se presente).

Alcuni monitor sono dotati di uscita audio dedicata (mini-jack Audio Out – vedi foto sopra) che preleva il segnale ricevuto via HDMI: in tal caso basta collegare gli speaker attivi a questa presa.

Devo per forza collegare l’antenna sia al Tv che al decoder?

No. Il decoder esterno serve a rimpiazzare totalmente il sintonizzatore interno del Tv e, per questo motivo, non sarà più necessario collegargli il cavo antenna.

In pratica dovrete semplicemente scollegare il cavo antenna dal Tv e collegarlo al decoder (IEC IN, ANT IN o RF IN).

A cosa serve la presa “LAN Ethernet” che c’è sul retro del decoder?

Molti decoder di ultima generazione sono dotati di funzionalità interattive che richiedono il collegamento del decoder a internet, più precisamente al modem/router di casa tramite cavo (presa LAN Ethernet di tipo “RJ45”) o wireless (solo decoder con Wi-Fi).

Presa RJ45 Ethernet su decoder Digiquest Easy Scart Voice
Presa RJ45 Ethernet su decoder Digiquest Easy Scart Voice

Molto spesso queste funzionalità sono piuttosto limitate e non hanno nulla a vedere con i “veri” Smart TV: permettono solo di consultare le previsioni meteo, leggere le ultime notizie (raramente in lingua italiana) e poco altro.

App Meteo su decoder DTT interattivo
App Meteo su decoder DTT interattivo

Alcuni decoder permettono anche di ascoltare le web-radio (radio via internet), guardare i canali IPTV (Tv via internet), visualizzare le mappe di Google e accedere a YouTube.

Come faccio a mantenere sempre aggiornata la lista dei canali?

In questo momento di transizione dalla vecchia alla nuova Tv digitale terrestre è molto importante mantenere aggiornata la lista canali perché le emittenti cambiano spesso nome, posizione (LCN) e frequenza.

Quasi tutti i decoder di nuova concezione hanno una funzione che scansiona le bande VHF-UHF e memorizza i nuovi canali, il tutto automaticamente e senza bisogno di alcuni intervento da parte dell’utente. Basta semplicemente attivare la ricerca automatica ad orari prefissati (es.: ogni notte alle 4) e ricordarsi di lasciare il decoder in standby (led rosso acceso).

Funzione di aggiornamento automatico canali e firmware su decoder DTT T2 HEVC Main 10
Funzione di aggiornamento automatico canali e firmware su decoder DTT T2 HEVC Main 10

Di tanto in tanto, ad esempio ogni 10-15 giorni, consigliamo anche di eseguire una ricerca automatica tradizionale con ordinamento LCN abilitato.

Cos’è il Timeshift?

È una funzione aggiuntiva del PVR che serve a congelare un programma durante la messa in onda, ad esempio per rispondere al telefono o al citofono, e di riprenderlo dopo qualche minuto guardandolo in differita.

Funzione Timeshift
Funzione Timeshift

Quasi sempre è associata al PVR, richiede una chiavetta USB e permette anche di spostarsi avanti e indietro per rivedere una scena (replay), il programma dall’inizio o riportarsi al punto “live”.

Cos’è l’Audiodescrizione?

È una funzione utile per persone cieche e ipovedenti perché consente loro di ascoltare una voce che descrive gli elementi visivi come costumi, ambientamenti, espressioni facciali, caratteristiche fisiche ed azioni di un programma.

Funzione Audiodescrizione
Funzione Audiodescrizione

Anche se l’Audiodescrizione è disponibile su tutti i decoder perché utilizza una delle tracce audio secondarie (italiano, inglese, Dolby, ecc. – tasto AUDIO del telecomando), solo in alcuni modelli viene evidenziata nel menu e configurata in dettaglio (priorità rispetto ad altre tracce audio, volume, ecc.).

È meglio collegare il decoder al Tv tramite HDMI oppure Scart?

Tutti gli zapper di nuova generazione hanno sul retro una presa HDMI per il collegamento audio/video al Tv. Quasi tutti i modelli hanno anche una presa Scart che va utilizzata solamente se il televisore è molto vecchio e senza HDMI.

Uscite HDMI e Scart su decoder T2 HEVC Main 10

Mentre la HDMI supporta sia i segnali video a definizione standard (SD) sia quelli ad alta definizione (HD), la Scart è compatibile solo con il video SD. Se il vostro televisore ha solamente uno o più ingressi Scart, potrete quindi continuare a vedere tutti i canali sintonizzati dallo zapper ma quelli in HD, come Rai 1 HD, Canale 5 HD, Mediaset 20 HD e altri, appariranno in qualità SD.

Esistono sconti e bonus per l’acquisto dei decoder DTT?

Sì. Grazie agli incentivi economici erogati dal MISE sotto forma di “bonus”, è possibile risparmiare ben 30 euro quando si acquista un nuovo decoder terrestre e/o satellitare (zapper, Common Interface, CAS, ecc.).

Si tratta del Bonus TV-Decoder valido per l’acquisto di Tv e decoder presenti in questa lista e riservato esclusivamente alle famiglie con ISEE fino a 20 mila euro. L’importo dello sconto può coprire totalmente il prezzo del decoder fino a 29,99 euro (in pratica il decoder lo si ottiene gratis) mentre, se il prezzo è superiore, la differenza a vostro carico varia solitamente tra 4-5 e 10-20 euro.

I pensionati sotto i 20 mila euro annui possono addirittura ricevere gratis e comodamente a casa il decoder DVB-T HEVC con prezzo non superiore a 30 euro, anche se hanno già usufruito del Bonus Tv Rottamazione.

Modulo web per ricevere gratis e a domicilio il decoder T2 HEVC
Modulo web da compilare per ricevere gratis e a domicilio il decoder T2 HEVC

Il decoder può essere anche richiesto di persona recandosi in uno dei 12765 uffici postali in tutta Italia oppure on-line dal sito www.prenotazionedecodertv.it/booking/.

Per ulteriori informazioni e consigli sui decoder DVB-T2 HEVC Main 10 vi consigliamo di leggere questi articoli:

Zapper economico per il nuovo DTT? Ecco come sceglierlo

Zapper DTT, come scegliere il modello più adatto

Zapper DTT, guida alla scelta tra dieci modelli T2 HEVC

Mini-zapper, guida agli Scart Box e HDMI Stick per il DTT

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php